I cancelli in ferro battuto: belli, solidi, e anche economici!

Sempre più spesso capita che, anche nelle case e nelle ville moderne, architetti e progettisti inizino a riscoprire il gusto per l’estetica più tradizionale, e forse in effetti un po’ retrò: quello del ferro battuto. Si tratta di un materiale ormai più che collaudato, che viene utilizzato diffusamente nella costruzione e decorazione delle case ormai da cinque secoli, e che può trovare applicazione nella costruzione di recinzioni, balaustre per le scale, cancelli d’ingresso e mobili da giardino, solo per fare qualche esempio. Il risultato estetico è ben noto: dei cancelli in ferro sono spesso sufficienti,m da soli, a conferire un’aria unica e quasi regale ad una casa, che verrà subito notata dai visitatori.

La varietà di cancelli in ferro battuto disponibile è molto ampia, a seconda di quali siano le dimensioni disponibili, e le forme più gradite dal proprietario della casa; anche sotto il profilo funzionale, inoltre, ci sono possibili variazioni, dai modelli completamente manuali a quelli che, grazie alle fotocellule, possono aprirsi automaticamente al passaggio di auto o persone, a quelli ancora che, grazie ad un sistema elettrico e ad un telecomando, possono essere controllati dall’interno della casa. È un tipico esempio di questo ultimo genere il cancello posto all’accesso della casa, solitamente all’inizio di un vialetto per le automobili.

Ma non è solamente all’ingresso delle ville che troviamo il ferro battuto! Cancelli di questo materiale, plasmati nelle fogge più svariate, si possono trovare all’ingresso dei giardini, a chiudere un’arcata, singoli o doppi a seconda della luce dell’apertura; e ancora, strutture di questo materiale reggono pergolati e viti, o proteggono decorandole le finestre di una facciata; e dovunque portano immediatamente un’atmosfera di eleganza e un sapore di tempi ormai trascorsi, che è impossibile non riconoscere.